Anizio / Trucchi e consigli / Alimentazione e diritti / Coltivazioni cipero: un modello di agricoltura familiare

Coltivazioni cipero: un modello di agricoltura familiare

Llauraor volteando la chufa almacenada en la cambra.

Le cipero, mandorla della terra o chufa (Cyperus esculentus L.) è una pianta erbacea, strettamente legata al Cyperus rotundus. Contiene un rizoma o di un organo di stoccaggio della radice che è come una piccola patata commestibile e ha molti attributi nutrizionali e proprietà medicinali.

La chufa è stata consumata per milioni di anni dagli antenati degli attuali Homo Sapiens , ed è un antico grano che appare in varie parti del mondo, dalle rive del Nilo al tempo dei faraoni, in Africa, Sud America, Spagna e Cina nel Novecento.

In Spagna, è stato coltivato per più di mille anni nella zona del a nord di Valencia, noto come “l’Horta Nord”, che è ancora un esempio vivente di agricoltura contadina sostenibile.

L ‘Horta Nord è un territorio formata da 17 comuni in cui più di 550 famiglie di agricoltori sono registrati e iscritti al Consiglio di Chufa di Valencia con denominazione d´origine (il 95% degli agricoltori di Valencia coltiva chufa).

Un "llauraor" cuidando su campo de chufas durante los meses de verano.

È un modello di micro-agricoltura. Ogni famiglia ha i suoi piccoli appezzamenti di terreno e il diritto per irrigare attraverso un sistema di canali di patrimonio romano-musulmana. La gestione dell’acqua di irrigazione è regolata dalla singolare “Corte d’acqua”, che si incontra per risolvere i contrattempi che possono sorgere dall’uso o abuso di acqua ogni giovedì.

A Valencia, la chufa è coltivata una volta annualmente (in altre parti del mondo, potrebbe dare due o tre raccolti l´anno. Cresce in primavera e si raccoglie alla fine dell’anno (dicembre-gennaio). Oggi i residui vegetali vengono bruciati in campo per facilitare le operazioni di raccolta meccanica, anticamente gli stessi residui venivano utilizzati per la copertura dei tetti e per la lettiera degli animali domestici.

Quemando la hierba de la chufa durante la cosecha

Immediatamente dopo la raccolta le noci tigre vengono lavate in impianti utilizzando acqua dolce e vari passaggi di setacciatura per separarle da terra, pietruzze e radici (anticamente si lavava direttamente nei canali di irrigazione).

Successivamente le noci tigre vengono essicate e conservate in edifici chiamati “Cambra” in cui vengono uniformemente sparse al suolo in uno strato di 30 cm circa e rimescolate manualmente e quotidianamente affinché perdano l’umiditá in eccesso per garantire una perfetta conservazione. Questa operazione puó durare fino a tre mesi.

La Cambra è piena di finestre che l’agricoltore apre o chiude a seconda della direzione del vento. È durante questo processo che gli amidi chufa si trasformano in zuccheri naturali, dando quel sapore peculiare alla chufa Valenciana.

secaderoplantas

Altrove nel mondo, la chufa non è curata come a Valencia. Viene lasciata ad asciugare per terra naturalmente, e mentre la sua dimensione è molto più grande e più appetibile. Il gusto e le qualità sono diverse da quelle di Valencia.

A seconda del tempo, alla fine di aprile o all’inizio di maggio la chufa è asciutto e pronto per il consumo.

I pericoli che deve affrontare oggi:

1 – La produzione media di chufa di Valencia fino al 2007 era di 5.000 tonnellate annue ridotte ai giorni nostri a 3000 tonnellate questo perché diversi produttori di horchata industriale importano la chufa africana che é molto piú economica peró dal sapore diverso, promovendo colture sleali che utilizzano manodopera a costi e condizioni di schiavitú (bambini compresi). Questo è un grosso problema che destabilizza anche il mercato di Valencia e mette in pericolo la redditività del modello di cultura locale basata sull’agricoltura familiare. Che, tra l’altro, è sempre più certificata ogni giorno.

2 – La seconda minaccia per la sopravvivenza di questo modello è la pressione urbana da parte di alcuni comuni della zona. Hanno riclassificato i terreni agricoli, permettendo la costruzione e sempre più appartamenti, centri commerciali, ecc. Per fortuna, la crisi della bolla immobiliare ha portato alla fine di questa assurdità urbana per ora.

In questo contesto, cosa possiamo fare?

1 – Acquistate chufa che ha il sigillo della Denominazione di Origine di Valencia, che assicura che un prodotto viene coltivato localmente, e se è certificata biologica, ancora meglio.

chufaorxata

1 – Acquistate chufa che ha il sigillo della Denominazione di Origine di Valencia Regione, che assicura che un prodotto viene coltivato localmente, e se è certificata biologica, ancora meglio.

2 – Quando consumiamo horchata o latte di cipero, assicurarsi che la società che rende “horchata”, sia artigiana o la produzione industriale, ha una certificazione ufficiale. Nel caso del mercato industriale, “CHUFI” è l’unico marchio che ha scelto di utilizzare chufa locale da Valencia. Divertente, dal momento che “CHUFI” appartiene a una multinazionale francese, tuttavia, mostrano molto più sensibilità per la produzione locale di grandi aziende di horchata spagnole, tra cui quelli di Valencia.

3 – Difendere l’agricoltura familiare come un modello agricolo sostenibile e promotore dell’economia locale con l’acquisto di “locale”.

  • Vegan Milker Soul

    Vegan Milker Soul

    59,90

Iscriviti alla newsletter

Entradas relacionadas

Confronto tra latte vegano industriale e fatto in casa

Confronto tra latte vegano industriale e fatto in casa

La differenza più importante tra il latte vegano industriale e quello fatto in casa sono i valori nutrizionali: il latte vegetale autoprodotto contiene tutti i micro e i macro nutrienti dei semi che vengono utilizzati per produrlo. Con il latte vegano confezionato, il...

Divieto dei “latti vegetali”

Divieto dei “latti vegetali”

La Comunità Europea ha proibito l’utilizzo della parola “latte” per definire i “latti vegetali”, soltanto i latti animali possono essere chiamati “latte” (Regolamento del Consiglio UE 1308/2013). Dicono che il termine “latte vegetale” confonda i consumatori. Rendere...

ATTENZIONE: ChufaMix non funziona con semi transgenici!

ATTENZIONE: ChufaMix non funziona con semi transgenici!

Semi e acqua sono elementi fondamentali utilizzati nel Chufamix per fare latti vegetali. Semi e acqua, come Terra e Sole, sono fondamentali per la vita. Oltre 10.000 anni fa, l’uomo ha iniziato a coltivare cereali e selezionare attentamente i semi migliori da...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pin It on Pinterest

Share This