Anizio / Trucchi e consigli / Alimentazione e diritti / Confronto tra latte vegano industriale e fatto in casa

Confronto tra latte vegano industriale e fatto in casa

chufamix latte vegano fatto in casa

La differenza più importante tra il latte vegano industriale e quello fatto in casa sono i valori nutrizionali: il latte vegetale autoprodotto contiene tutti i micro e i macro nutrienti dei semi che vengono utilizzati per produrlo.

latte vegetale nutrizionali

Con il latte vegano confezionato, il liquido viene scaldato ad alte temperature per pastorizzarlo e sterilizzarlo e questo processo uccide alcuni dei micro e dei macro nutrienti.
Perché lo fanno? In modo che il latte possa conservarsi per 1-3 anni negli scaffali dei negozi a temperatura ambiente. Il latte vegetale homemade si conserva invece solo per un massimo di 3-5 giorni in frigorifero.
Il latte vegetale industriale è molto semplice e di facile utilizzo perché può essere acquistato, aperto e bevuto senza bisogno di altri procedimenti per realizzarlo. È senza lattosio, senza glutine e facile da consumare. Ma è importante sapere che questa versione non ha le stesse qualità nutrizionali di quello fatto in casa.

latte vegano di semi locale

La seconda ragione è che, la maggior parte dei casi, nel latte confezionato non è indicata l’origine dei semi che sono utilizzati per produrlo. In ogni caso, quando produci il tuo latte in casa, sai anche da dove provengono i semi, se sono biologici o acquistati a km0 e, di conseguenza, cosa hai mangiato alla fine della giornata.

latte vegano prezzo

La terza differenza è il prezzo. In questo momento, in tutta Europa e nel mondo, il latte vegetale sta diventando sempre più popolare e, come risultato, viene venduto a prezzi astronomici. Abbiamo potuto osservare questo fenomeno durante i nostri viaggi in Europa con il nostro Chufamix.
Il latte vegetale autoprodotto, invece, è molto più economico perché si deve pagare solamente per i semi o per i cereali utilizzati. Come risultato, possiamo produrre un litro di latte di riso con circa 20 centesimi, latte di soia con 35 centesimi, latte di arachidi con con circa 1 euro/dollaro e il latte di mandorle, quello più caro, con 2-3 euro/dollari. Con questo metodo, inoltre, si può anche riutilizzare la polpa avanzata e consumarla.

latte vegetale l´impatto ambientale

Infine, l’impatto ambientale del consumo di latte vegetale confezionato è molto più alto di quello del latte fatto in casa. Viene consumata molta energia nel processo industriale e viene prodotta anche molta più spazzatura.

In conclusione, vogliamo condividere queste informazioni con voi perché abbiamo realizzato che c’è molta confusione tra il latte vegetale confezionato e quello fatto in casa e molte persone sono convinte che abbiamo gli stessi valori nutrizionali.
Al di là della differenza di prezzo e dell’impatto ambientale, è molto meglio consumare latte autoprodotto quando possibile, in quanto si tratta di un prodotto locale ed eco-friendly che ci permette di vivere in armonia con il mondo intorno a noi.

Fatelo anche voi!

Trucchi di Thermomix - Chufamix per latti vegetali fatti in casa Budino di riso vegan con latte di mandorle - video ricetta
  • vegan milker classic despiezada

    CLASSIC

    29,90
  • vegan milker soul foto producto

    SOUL

    49,90

Iscriviti alla newsletter

Entradas relacionadas

Divieto dei “latti vegetali”

Divieto dei “latti vegetali”

La Comunità Europea ha proibito l’utilizzo della parola “latte” per definire i “latti vegetali”, soltanto i latti animali possono essere chiamati “latte” (Regolamento del Consiglio UE 1308/2013). Dicono che il termine “latte vegetale” confonda i consumatori. Rendere...

ATTENZIONE: ChufaMix non funziona con semi transgenici!

ATTENZIONE: ChufaMix non funziona con semi transgenici!

Semi e acqua sono elementi fondamentali utilizzati nel Chufamix per fare latti vegetali. Semi e acqua, come Terra e Sole, sono fondamentali per la vita. Oltre 10.000 anni fa, l’uomo ha iniziato a coltivare cereali e selezionare attentamente i semi migliori da...

Drink latte di mucca, non esistono Latti Vegetali.

Drink latte di mucca, non esistono Latti Vegetali.

L'anno scorso abbiamo notato alcuni "Attacchi" al latte vegetale da parte del mercato globale. Non è strano, perché siamo consapevoli del potere economico e l’influenza sui media che hanno le grandi aziende casearie transnazionali. << Il latte di mandorla non è...

3 Commenti

  1. laura

    OK tutto ma il latte di riso fatto partendo da un’acqua a 80° e cottura anche a fuoco lento dopo arriva sempre ad una temperata di 60/70 gradi compromettendo probabilmente gran parte dei valori nutrizionali.
    Non sarebbe forse meglio lasciare in ammollo 12 ore ed evitare la cottura successiva; digeribilità a parte, mi pare l’unico modo per differenziarlo da quello che si acquista e mantenere dei valori nutrizionali.
    Che ne dite?

    Rispondi
    • lattevegetale

      Puoi usare la formula che ti piace più, nessun problema. Vorrei sottolineare due argomenti nutrizionali per chiarire alcune riflessioni del tuo commento:

      1- I latte industriale sono pastorizzati o sterilizzati, il che significa che hanno subito uno shock termico tra 80-120 ° C, in cui, esattamente, l’obiettivo è quello di uccidere gran parte dei nutrienti e quindi essere in grado di conservare il latte per 2 anni su uno scaffale . Diciamo che è un povero latte dal punto di vista nutrizionale.

      2- Tuttavia, quando riscaldiamo il latte fatto in casa a fuoco basso, senza superare i 60 ° C, le vitamine vengono perse, ma i minerali rimangono, perché resistono meglio al calore. Proteine ​​e grassi sono anche mantenuti. Nel caso dei carboidrati. El carboidrati complessi vengono trasformati in zuccheri e semplificati per diventare più digestivi. La perdita di nutrienti non è così grande come quella che si verifica nel processo del latte industriale.

      Buona giornata!

      Rispondi
  2. Valentina

    Buongiorno, vorrei sapere se esistono fonti (dato che fino ad ora non ne ho trovate) sull’effettivo quantitativo di valori nutrizionali (soprattutto in proteine) in un latte di soia autoprodotto piuttosto che quello industriale. Avevo letto da qualche parte, forse nel libro “il tuo latte vegetale fatto in casa”, che conteneva il doppio di proteine e altri nutrienti, è vero?
    Grazie

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pin It on Pinterest