Anizio / Trucchi e consigli / Alimentazione e diritti / Recuperiamo l’idea di “sovranità alimentare”

Recuperiamo l’idea di “sovranità alimentare”

eskuak

Il diritto al cibo e all’acqua è un diritto fondamentale nel 21º secolo, o no? Beh, se lo è, perché è costantemente violato, causando la morte, la semi-schiavitù e l’emarginazione nella vita di molte persone?

Questo dovrebbe essere un reato, o no?

Nel 2008, quando i prezzi di mais, riso e grano sono saliti, molti paesi poveri (Haiti, Camerun, Filippine …) sono rimasti senza le risorse per nutrirsi con dignità. Abbiamo cominciato a sentire il termine “crisi alimentare”. Anche se si utilizzano nomi diversi, in sostanza, il fenomeno di uccidere le persone con la fame, per utilizzarli come manodopera a basso costo è evidente oggi. Ci sono sempre alcune persone ambiziose che abusano dei diritti altrui per alimentare egoisticamente i loro conti bancari. Questo è un abominio che si è trascinato attraverso la storia e una forma continua di terrorismo e di violazione dei diritti umani fondamentali.

 Tuttavia, l’utilizzo del il cibo a scopo di lucro da parte delle imprese private multinazionali è consentito, protetti e, in molti casi, sovvenzionato dai governi presunti “democratici” dai “paesi civilizzati” in cui viviamo. I nostri soldi e il nostro lavoro sono utilizzati per contribuire a questo sistema corrotto.

planetaenventa

Le organizzazioni internazionali di contadini, cittadini, movimenti per la sovranità alimentare, per la riduzione del cambiamento globale, le organizzazioni ambientaliste e molti altri propongono alternative concrete, proposte di azione per alleviare la “crisi alimentare” che i governi di molti paesi del mondo trascurano costantemente. Come mai?

Le organizzazioni internazionali come la FAO (Food Agricultural Organization), l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e la Banca mondiale, con il supporto incondizionato dei mass media, indicano che le principali ragioni di questa “crisi alimentare” sono fattori esterni, quali:

raccolti scarsi

l’uso di campi per piantare biocarburanti, giustificato dalla “crisi energetica”

l’aumento della popolazione

i cambiamenti climatici … e così via

Ma in nessun momento hanno messo in dubbio l’attuale ” modello agro-alimentare industriale”. Non ci vuole un genio per capire che questo modello è la causa principale della “crisi alimentare”.

agroindustria

Provate a rispondere alle seguenti domande:

È legale sfruttare, inquinare e distruggere la diversità naturale per fare soldi?

Avete bisogno di consumare tanto petrolio per il trasporto di cibo da una parte del mondo ad un altro, piuttosto che consumare prodotti coltivati ​​localmente?

È meglio usare la terra per la coltivazione di carburante per essere in grado di trasportare gli alimenti a livello internazionale, oppure usarla per coltivare cibo e soddisfare la popolazione locale?

È saggio che i paesi stiano perdendo la capacità di produrre cibo per il proprio consumo?

La creazione della povertà è giustificata dalla necessità di generare business?

È saggio per i governi sostenere questa assurdità mentre i cittadini sono immobili e li lasciano fare?

Sostenere e difendere il modello di agricoltura industriale significa dire di sì a ciascuna domanda.

Siamo molto preoccupati che la maggior parte dei governi sostengono e finanziano il modello globale, che utilizza (impoverisce e distrugge) il 70% delle risorse agricole del pianeta di produrre solo il 30% delle forniture alimentari mondiali. Questo ha annientato il pianeta, causando una “crisi alimentare”, che si motiva con scuse e cause esterne, nascondendo la verità che induce in errore l’opinione pubblica.

agroagricultor

Apprezziamo gli sforzi continui effettuati da quegli agricoltori e pescatori locali che supportano la sovranità del cibo. 3.000 milioni di persone forniscono cibo al 70% della popolazione mondiale, utilizzando solo il 30% delle risorse naturali del mondo in modo sostenibile ed efficiente attraverso il loro lavoro quotidiano. Apprezziamo anche gli sforzi di tutti i gruppi e le iniziative, le imprese, anche i governi, che aiutano a proteggere e sviluppare un modello agricolo che è più responsabile ed equo per tutti.

Crediamo, inoltre, che in questa situazione, sia importante che le persone agiscano in modo responsabile e usino la loro capacità di rispondere in modo intelligente e creativo. Sostenete l’agricoltura familiare e il commercio locale. Il commercio equo è una cosa semplice da raggiungere e genera anche forme di vita dignitose e preserva l’ambiente, che è la nostra unica casa. L’acquisto di prodotti alimentari locali e biologici è un modo per migliorare la nostra salute e quella del nostro pianeta, rafforzando la nostra economia e le reti sociali.

mercadopopular

Il modo in cui facciamo la spesa è il nostro strumento migliore per porre fine alla povertà nel mondo. Il consumo responsabile è un modo per contribuire a migliorare il mondo. Nessun prodotto che viene dal settore agricolo dovrebbe essere più importante dei diritti delle persone che si prendono cura della nostra Terra!

Ci sono molte alternative. Si può già cominciare a guardare nei propri quartieri, paesi o città. Oggi è il giorno perfetto per iniziare a cambiare le vostre abitudini lentamente, giorno dopo giorno. Fate acquisti nei mercati locali, nelle imprese familiari, cercate i prodotti locali, si potrebbe scoprire che la differenza di prezzo è compensata dalla qualità. La maggior parte dei prodotti industriali non è paragonabile a quelli del mercato locale. Guardate i sigilli per assicurarvi di partecipare a un commercio equo e sostenibile.

Pensart e agite! Ci sono soluzioni, non esitate.

Latte di sesamo con datteri Toast alla francese con latte di nocciole, carruba e scorza d’arancia
  • vegan milker classic despiezada

    CLASSIC

    40,00 $(US)
  • vegan milker soul foto producto

    SOUL

    50,00 $(US)

Iscriviti alla newsletter

Entradas relacionadas

Confronto tra latte vegano industriale e fatto in casa

Confronto tra latte vegano industriale e fatto in casa

La differenza più importante tra il latte vegano industriale e quello fatto in casa sono i valori nutrizionali: il latte vegetale autoprodotto contiene tutti i micro e i macro nutrienti dei semi che vengono utilizzati per produrlo. Con il latte vegano confezionato, il...

Divieto dei “latti vegetali”

Divieto dei “latti vegetali”

La Comunità Europea ha proibito l’utilizzo della parola “latte” per definire i “latti vegetali”, soltanto i latti animali possono essere chiamati “latte” (Regolamento del Consiglio UE 1308/2013). Dicono che il termine “latte vegetale” confonda i consumatori. Rendere...

ATTENZIONE: ChufaMix non funziona con semi transgenici!

ATTENZIONE: ChufaMix non funziona con semi transgenici!

Semi e acqua sono elementi fondamentali utilizzati nel Chufamix per fare latti vegetali. Semi e acqua, come Terra e Sole, sono fondamentali per la vita. Oltre 10.000 anni fa, l’uomo ha iniziato a coltivare cereali e selezionare attentamente i semi migliori da...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pin It on Pinterest