Anizio / Trucchi e consigli / Consigli per fare latti vegetali con Vegan Milker by Chufamix

Consigli per fare latti vegetali con Vegan Milker by Chufamix

No, non siamo spariti dal blog, ma stavamo scrivendo un articolo molto lungo.. e molto importante! Infatti oggi vogliamo condividere con voi alcune delle cose che abbiamo imparato facendo le latti vegetali con il Chufamix.

397431_584676124886038_99476602_n

Temperatura dell` acqua

Ogni alimento ha diverse caratteristiche fisiche, e lo stesso vale per le bevande autoprodotte.

Ad esempio, le latti vegetali a base di frutta a guscio sono più dense delle bevande a base di cereali come riso e farro. Avena, lino e chia di solito diventano gommosi. E potremmo continuare qui per ore, spiegando le diverse caratteristiche delle materie prime.

Noi usiamo:

ACQUA CALDA (all’incirca 60 ° C, e non più di 80 °) per:

  • Cereali (fiocchi o cereali, sia esso il riso, o di avena o di farro …)
  • Semi di coperture dure (Semi duri: canapa, sesamo, quinoa…)

ACQUA A TEMPERATURA AMBIENTE  per:

  • Frutta secca (Nocciole, chufa, mandorla…)
  • Legumi trasformati (Legumi precotti, come la soia)
  • Semi  (Semi di lino e chia)

Materia prima

Ecco uno schema generale per trattare le diverse materie prime nella loro forma naturale.

La soia e i cereali integrali (in fiocchi) devono essere bolliti tra 10 e 30 minuti prima di preparare il latte vegetale: infatti allo stato grezzo, sono troppo difficili da digerire.

La frutta a guscio, i semi, e i chicchi di cereali grezzi devono essere messi a mollo per un tempo che va dalle 2 alle 12 ore, prima di preparare il latte vegetale. Infatti allo stato naturale sono troppo duri. Parliamo di mandorle, nocciole, noci, sesamo, quinoa, chia…

In alternativa, se ti sei dimenticato l’ammollo, puoi frantumarli fin quasi a ridurli in farina per preparare il latte vegetale.

batidoradibu

Il mixer

Quando si utilizza il mixer, puoi utilizzarlo alla velocità minima: la miscelazione avviene in 1-2 minuti pertanto non c’è bisogno di impostarlo a velocità più elevate.

La velocità Turbo (o quella più elevata disponibile) va utilizzata solo con piccoli semi, perché sono più difficili da frantumare e passano attraverso le pale del mixer. Per questo motivi ti consigliamo di utilizzare solo 1/2 litro d’acqua con i piccoli semi, per aiutare il mixer. Ci può essere un effetto di aspirazione, ma non c’è pericolo.

La conservazione

Le bevande fatte in casa con Chufamix sono bevande vive: ciò significa che tutti i nutrienti (enzimi, aminoacidi, minerali, grassi, vitamine) sono vivi e sempre in trasformazione. Queste bevande non sono state sterilizzate né  pastorizzate, pertanto non dureranno a lungo, a differenza di quelle confezionate.

Al fine di conservare il nostro latte autoprodotto per più giorni, dobbiamo tenerlo in frigo, tra i 3º e i 5º C. Infatti il freddo rallenta il deperimento delle sostanze nutrienti, permettendoci di conservare la bevanda più a lungo. A temperatura ambiente i microrganismi lavorano più velocemente, e il nostro latte può deperire in poche ore.

Scadenza

La scadenza dei latti vegetali autoprodotti e conservati in frigorifero varia dai 3 ai 5 giorni, a seconda della potenza del frigorifero, e della qualità dell’acqua utilizzata.

In ogni caso, una bevanda naturale è come un vino: più vecchio è, meglio è!

Si può riscaldare una bevanda naturale vegetale presa dal frigo?

Sì, si può scaldare qualsiasi latte vegetale, berlo caldo o usarlo per cucinare.

Occorre tenere presente che una bevanda naturale è sensibile alle variazioni di temperatura, molto più di una bevanda che è stata sterilizzata o pastorizzata.

Ad esempio, il latte di avena confezionato industrialmente, se portato a una certa temperatura non sviluppa materia grassa. Viceversa il latte di avena naturale se riscaldato si addensa trasformandosi in una crema. E lo stesso vale per il latte di chia, o di semi di lino. Questi latti sono buoni da bere caldi, ma possono anche essere utilizzati per dolci, panna, besciamella..

Attenzione però: se metti nuovamente il tuo latte vegetale in frigorifero, dopo averlo riscaldato, andrai ad accelerare il deperimento. Per questo motivo ti consigliamo di scaldare sempre solo la quantità di latte vegetale che ti serve.

Fonti pubbliche e acqua potabile Come conservare i latti vegetali naturali
  • vegan milker classic despiezada

    CLASSIC

    29,90
  • vegan milker soul foto producto

    SOUL

    49,90

Iscriviti alla newsletter

Entradas relacionadas

Latte vegetale di castagne fatta a casa ( senza glutine )

Latte vegetale di castagne fatta a casa ( senza glutine )

Latte vegetale di castagne senza glutine, fatta con Vegan Milker Iniziamo l'autunno con un latte vegetale tipico della stagione: il latte vegetale di castagne. È un latte senza glutine che soddisfa facilmente qualsiasi palato. Proprietà nutrizionali delle castagne Se...

Proprietà dei semi di melone e ricetta facile

Proprietà dei semi di melone e ricetta facile

I semi di melone hanno proprietà meravigliose che sono sconosciute in gran parte del mondo. Sebbene ci sia la cattiva abitudine di scartare i semi di melone, esiste più di una ricetta per utilizzarli. Possono essere arrostiti e mangiati come semi o usati per fare il...

Caffè freddo con latte d’avena e pistacchi

Caffè freddo con latte d’avena e pistacchi

Il caffè freddo è una delle bevande preferite nelle calde giornate estive. L'aggiunta di latte d'avena e pistacchi al caffè renderà il vostro caffè freddo super nutriente e dal sapore speciale e gustoso che sicuramente stimolerà la vostra fantasia. Sarà la miccia per...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pin It on Pinterest